Comunicare

Nel Modo Giusto

CENTRO
CINOFILO
FUNNY DOG 

Crescere

Insieme

Rapporto

di Assoluta Fiducia

Il cimurro è una malattia di origine virale che colpisce i cani, ma anche altre specie di canidi e felini, e può avere esito fatale specialmente negli animali più giovani. Non viene trasmesso dal cane all’uomo.

È necessario essere consapevoli del fatto che questa patologia è oggi la principale causa di morte tra i cani. Secondo dati riportati dal Baker Institute of Animal Health, il cimurro causa infatti la morte nel 50% dei cani adulti colpiti e nell’80% dei cuccioli.

Il problema fondamentale è che, trattandosi di una patologia virale, non esiste una cura specifica mirata a combatterla, ma si interviene con terapie di sostegno per aiutare l’organismo del cane a reagire e contrastarla. Il buon esito delle cure dipende dunque molto dalla capacità di reazione del sistema immunitario del cane malato.

La patologia è causata dall’azione di un virus della famiglia Paramyxoviridae (genere Morbillovirus) che appartiene allo stesso ceppo dei virus che causano il morbillo nell’uomo e la peste bovina.

Il virus del cimurro, anche noto come CDV (sigla di Canine Distemper Virus, virus del cimurro dei cani), non è di per sé un virus particolarmente resistente nell’ambiente esterno, ma la sua diffusione e, di conseguenza, il contagio degli animali sono favoriti dalla promiscuità tipica di ambienti frequentati da molti animali, come canili o allevamenti.

Il contagio può avvenire in modo diretto, per contatto con animali ammalati, o indiretto, per contatto con le secrezioni di animali ammalati. In particolare, il virus viene trasmesso mediante il contatto con:

  • saliva
  • urina
  • feci
  • particelle infette disperse nell’aria.

L’animale può perciò essere contagiato entrando in contatto con animali malati o con oggetti che risultino contaminati dal virus proveniente da animali malati, ad esempio mediante l’impiego di ciotole o cibo infetti.

Prevenzione del cimurro: il vaccino

Per il cimurro, così come per altre pericolose patologie che possono colpire i nostri cani, esistono vaccinazioni specifiche che possono essere effettuate negli animali appena svezzati, che non sono più protetti adeguatamente dagli anticorpi materni. Si deve fare riferimento al veterinario di fiducia per stabilire tempi e modi ottimali della vaccinazione dei cuccioli ed eventualmente per verificare se sia necessario e opportuno sottoporre a vaccinazione un cane già adulto.

Sintomi e diagnosi

Il cimurro è una malattia grave che può aggredire l’apparato respiratorio, quello gastroenterico e il sistema nervoso centrale del cane malato.

È spesso difficile riconoscere la presenza della malattia, dal momento che l’azione del CDV:

  • può avere gradi diversi di intensità (forme iperacuta, acuta, subacuta);
  • può colpire in modo diverso vari organi e apparati dell’animale;
  • può manifestarsi con sintomi comuni anche ad altre malattie (per esempio, febbre o catarro).

Ci si deve affidare al medico veterinario, che ricorrerà a test di laboratorio, all’esame clinico del cane e alla storia delle vaccinazioni per determinare la diagnosi.

La forma iperacuta della malattia generalmente colpisce gli animali più giovani, ossia i cuccioli che non hanno ancora compiuto i tre mesi di vita e che non sono ancora stati sottoposti a vaccinazione. La patologia in questo caso conduce alla morte dell’animale, se non si interviene per tempo. I sintomi più comuni sono inappetenza e diarrea, tosse, congiuntivite e tremori.

Le forme acuta e subacuta del cimurro colpiscono invece generalmente i cani adulti o i cuccioli che hanno superato i tre mesi di vita.

In ogni caso i sintomi possono essere diversi, anche perché dipendono dagli organi interessati:

  • le forme intestinali possono manifestarsi con disidratazione, inappetenza, vomito, feci irregolari, diarrea emorragica;
  • nel caso dell’apparto respiratorio, si possono avere tosse, starnuti, formazione di muco attorno agli occhi;
  • nella forma che colpisce il sistema nervoso si possono avere convulsioni, paralisi o paresi, depressione, spasmi muscolari, movimenti scoordinati;
  • altri sintomi possibili sono la febbre e l’ispessimento del tartufo e dei cuscinetti plantari.

Come detto prima, la cosa migliore da fare è prendere tempestivamente appuntamento con il proprio veterinario di fiducia e cercare di verificare in modo puntuale la condizione del nostro cane.

Come curare il cimurro

Come avviene nel caso di altre patologie di origine virale, le opzioni di trattamento disponibili si limitano a terapie di sostegno, perché non esiste una terapia specifica mirata a contrastare direttamente l’azione del CDV.

Fonte: www.albanesi.it

Newsletter

News

Stage “Costruire il corretto rapporto con il cane. Gestione nella vita quotidiana e errori da non fare”

21 - 22 Ottobre 2017 Presso Centro Cinofilo Funny Dog Cannara, provincia di Perugia a 20 minuti da Foligno, 10 minuti da Bastia e Assisi
Stage di due giorni su
“Costruire il corretto rapporto con il cane
Gestione nella vita quotidiana e errori da non fare”

Uno stage dedicato al RAPPORTO, la relazione tra il proprietario e il suo cane. Questa relazione va costruita nel modo corretto, per poter avere un cane sereno e sotto controllo. L'argomento è molto vasto, ma in questo stage ci focalizzeremo sulla gestione quotidiana, per poter improntare un sano rapporto. Per avere una sana relazione, è importante avere le basi per comunicare con il cane, sapere cos'è la leadership, imparare a conoscere veramente il proprio cane per evitare conflitti inutili. Proprio perché ogni cane è differente, valuteremo i binomi singolarmente e analizzeremo insieme la vostra relazione per potervi dare spunti in più su cosa migliorare.

Sabato 21 Ottobre
Introduzione teorica: Costruire il corretto rapporto attraverso la gestione quotidiana
Valutazione dei Binomi con Analisi del Rapporto

Domenica 22 Ottobre
Introduzione Teorica: Recuperare il rapporto con il cane
Conclusione: Analisi e dibattito

Relatore: Ivan Farinazzo, addestratore ENCI, figurante ENCI, che da oltre 10 anni lavora in rinforzo positivo e con l'utilizzo della prossemica.
Prezzo: 90 Euro
Scadenza iscrizioni: 30 settembre 2017
Per informazioni: giulia@fundog.it – 333.8049492

Iniziare una relazione con qualcuno "pretendendo" è la cosa più sbagliata del mondo. Chi prende un cane, soprattutto il primo cane, parte con delle aspettative alte, molto alte. Sentiamo spesso le parole "deve amarmi", "deve amare le coccole", "deve amare stare in mezzo alle persone", "deve, deve e deve", solo "deve". Un rapporto va costruito, va alimentato, va sorretto. La figura del cane è veramente troppo idealizzata da sembrare quasi idilliaca, e questo sicuramente non aiuta. Il migliore amico dell'uomo. Deve essere così a prescindere. Da quando entra nella nostra casa, secondo molti, deve amarci a prescindere incondizionatamente. Ma non avete mai pensato che forse questo "amore", questo "rapporto" va conquistato? Con questo stage vorremmo farvi proprio capire questo, come far crescere il vostro rapporto, come migliorarlo, come iniziare con il piede giusto. Imparate a comunicare nel modo giusto con il vostro cane, almeno questo glielo dovete! 

#openyourmind con #funnydogperugia! Il nuovo modo di vivere il cane!

 

Seguici su Facebook

Segui il nostro canale 
TELEGRAM

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'