Comunicare

Nel Modo Giusto

CENTRO
CINOFILO
FUNNY DOG 

Crescere

Insieme

Rapporto

di Assoluta Fiducia

La vitamina B12 garantisce notevoli benefici alla salute dei nostri adorati animali domestici, in particolare cani e gatti. L’organismo di questi mammiferi, al pari di quello umano, necessita di un quantitativo minimo di cobalamina per regolare importanti funzioni vitali, a partire da quelle gastrointestinali e digestive.
Interagisce inoltre con la produzione di globuli rossi e regola il corretto equilibrio del sistema nervoso. Un cane o un gatto con deficit di vitamina B12 appare spento, senza quella vitalità che lo contraddistingue e questo perché è scientificamente dimostrato che la sopracitata sostanza sia un energetico naturale per le cellule degli esseri viventi.

I sintomi di un deficit di cobalamina nei cani e nei gatti sono estremamente simili fra loro. All’esordio si osserva una certa indolenza nell’eseguire le attività fisiche basilari e ludiche, come correre al parco per quanto riguarda i cani o il “pianificare” insidiose trappole ai piccioni in giardino nel caso degli amici felini. A segnare le giornate è un’immancabile pigrizia che sfocia in letargia cronica. I cani diventano più poltroni del solito mentre i gatti, che già per loro natura hanno un canale preferenziale per Morfeo, appaiono svogliati.
A questa condizione di costante spossatezza si accompagna la mancanza di appetito.
I sintomi più evidenti sopraggiungono successivamente e comprendono diarrea, vomito e difficoltà pratiche nella deambulazione. Nel caso in cui si tratti di carenza di vitamina B12, le analisi sanguigne evidenzieranno basso numero di globuli rossi nel sangue. A questo punto la diagnosi del veterinario appare scontata.

Leggi tutto: Vitamina B12 nei cani

Qui sotto il link di un interessante articolo, in lingua inglese, riguardante il pancreas e la pancreatite nei cani.

 

"Il pancreas è un piccolo organo ghiandolare annidato sotto lo stomaco e al fianco del duodeno (piccolo intestino superiore). La parte "endocrina" del pancreas secerne ormoni coinvolti nella regolazione dello zucchero nel sangue, come insulina e glucagone. Il pancreas "esocrino" produce enzimi che servono per digerire il cibo. Queste due parti del pancreas non sono aree distinte, ma questi due diversi tipi di tessuti pancreatici sono insieme all'intero pancreas.

Gli enzimi digestivi comprendono amilasi per digerire gli amidi, lipasi per digerire i grassi, e tripsina e proteasi per digerire le proteine. Sono secreti nel duodeno (prima parte dell'intestino tenue dopo lo stomaco) quando il cibo inizia il suo passaggio dallo stomaco. Senza un'adeguata produzione di questi enzimi, non si è in grado di digerire il cibo. Se non si riesce a digerire il cibo, non lo si assorbe neanche. Spesso, l'incapacità di assorbire i grassi alimentari provoca nell'animale domestico un aumento rilevante della forfora."

Articolo Pancreas

 

Articolo del Dott. Luca Scandone tratto dal sito http://www.adlersrl.it

Nei nostri cani, e principalmente in quelli di taglia medio grandi, l'arrivo dell'età  anziana, e quindi approssimativamente dopo i sette anni di vita, è facile che si evidenzino problematiche a livello articolare esattamente come capita spesso a noi esseri umani. La vita dei nostri amici a 4 zampe negli ultimi decenni si è molto allungata, e quindi tali problematiche stanno diventando sempre più frequenti. I nostri cani di taglia grande possono essere già  soggetti geneticamente a problematiche quali le displasie di anca, gomito o ginocchio, che se in età  giovanile possono essere ben sopportate, con l'invecchiamento possono portare il nostro cane a evidenti stati di dolore e difficoltà  nella deambulazione. Stiamo parlando principalmente di artrosi, ovvero un fenomeno fondamentalmente naturale che l'organismo animale mette in atto per contrastare il graduale deterioramento delle articolazioni dovuto al continuo utilizzo, esattamente come nei macchinari, le parti in movimento con il tempo stendono a rovinarsi. A causa del prolungamento della vita del cane e a causa di vari fattori ambientali e alimentari, oltre che per una selezione genetica sempre più incosciente, l'artrosi del cane e anche delgatto è una patologia molto comune. Per artrosi si intende un processo cronico degenerativo a carattere progressivo a carico delle cartilagini e dell'osso sub-condrale. Inizialmente si assiste ad una usura della cartilagine ialina associata a reazione del tessuto osseo sottostante con conseguente sclerosi ossea.

Leggi tutto: Patologie Osteoarticolari

La piometra è un'infezione batterica dell'utero che si verifica nel periodo successivo al calore, quando l'organismo produce l'ormone progesterone per preparare l'utero per gravidanza. La piometra può verificarsi sia in cagne che gatte, di qualsiasi razza. L'incidenza della piometra La piometra è molto comune nelle cagne che non vengono utilizzate per la riproduzione e si può verificare a qualsiasi età.
 
I sintomi sistemici sono: perdita dell’appetito, febbre, letargia, vomito, diarrea, sete e minzione aumentata. I test ematologici sono compatibili con un’infezione e possono indicare un coinvolgimento di altri organi.
 
Nelle cagne anziane la piometra è la conseguenza di una risposta anormale dell'utero all'azione del progesterone. Quando il progesterone prepara l'utero per la gravidanza, causa l'ispessimento della parete dell'utero e un aumento del numero delle sue ghiandole. Queste ghiandole costituiscono un ambiente ideale per l'impianto e la crescita degli embrioni, ma anche per la crescita batterica. Quest'evenienza è molto comune e la maggior parte delle cagne mature e anziane non utilizzate per la riproduzione prima o poi finisce per sviluppare una piometra.
 
 
La causa più comune di piometra nelle cagne giovani è la somministrazione di estrogeni, eseguita generalmente da un veterinario per prevenire la gravidanza dopo l'accoppiamento o per sopprimere o prevenire il calore. L'impiego di sostanze contro il calore è infatti seguita spesso dallo sviluppo di una piometra. Se non intende utilizzare una cagna per la riproduzione, la cosa migliore è la sterilizzazione chirurgica, invece dell’utilizzo di pericolose sostanze chimiche.
 
Esistono due tipi di piometra, a cervice aperte e a cervice chiusa, classificate in base alla condizione della cervice uterina, la struttura che separa l'utero dalla vagina.
Nelle cagne con una piometra a cervice uterina aperta il pus prodotto nell'utero esce all'esterno attraverso la vagina, pertanto questi animali presentano uno scolo vaginale contenente pus e sangue. Questo scolo si nota solitamente 4-8 settimane dopo la fine del calore. Questo tipo di piometra può essere riconosciuto rapidamente durante la visita veterinaria per la presenza dello scolo vaginale. 
Nella piometra con cervice chiusa il pus non può uscire e si accumula nell'utero, dilatandolo progressivamente. A causa della mancanza del sintomo facilmente riconoscibile dello scolo vaginale, questa piometra è più difficile da rilevare alla visita. Tuttavia, a causa della frequenza di questa patologia, la piometra viene sempre presa in considerazione nella lista di diagnosi differenziali nelle cagne non sterilizzate che mostrano segni di malessere.
 
Oltre all'eventuale scolo vaginale, altri sintomi comuni di piometra includono letargia, depressione, inappetenza, sete e urinazione eccessive, vomito e diarrea.
 
Se non viene rapidamente trattata, la piometra può causa gravi danni sull'organismo a causa degli effetti negativi delle tossine prodotte dai batteri. Man mano le tossine batteriche vengono rilasciate nel sangue, i sintomi tendono a peggiorare progressivamente, con disidratazione, shock, coma e, infine, morte. Senza trattamento, la piometra è sempre mortale.
 
Diagnosi
 
Esami del sangue. Nelle cagne con piometra di solito si osserva un aumento dei globuli bianchi (le cellule che combattono le infezioni) nel sangue, anche se un conteggio normale o basso non esclude la diagnosi di piometra. Un aumento dei globuli bianchi indica che il sistema immunitario del corpo sta combattendo un'infezione. La cagna può anche presentare anemia – per una diminuzione dei globuli rossi in circolo - perché le tossine prodotte dai batteri possono sopprimere la produzione di globuli rossi da parte del midollo osseo. Anche a causa della perdita costante di sangue dall'utero infetto, la cagna diventa sempre più anemica e la piometra può trasformarsi rapidamente in una situazione di emergenza. Nei casi gravi, può essere necessaria una trasfusione di sangue per compensare le perdite.
 
Striscio vaginale. Si prepara un vetrino con il materiale dello scolo vaginale e si esamina al microscopio. È possibile in questo modo visualizzare i batteri e i globuli bianchi che compongono il pus che fuoriesce dall'utero.
 
Ecografia. Questo è un modo accurato e non invasivo per diagnosticare la piometra, perché permette di determinare le dimensioni dell'utero, lo spessore delle sue pareti e la presenza di liquido accumulato all'interno. Nella piometra a cervice chiusa, l'utero è facile da identificare perché è aumentato di volume, a volte anche in modo notevole. Nella piometra a cervice aperta, l'utero non è molto aumentato, perché il pus anziché accumularsi all'interno, esce attraverso la cervice.
 
Radiografia. L'utero può essere identificato radiograficamente se è molto aumentato di volume, come nelle piometre a cervice chiusa. Nelle cagne non gravide un utero aumentato di volume è sempre anormale.
 
Trattamento
 
Chirurgia. Il modo più efficacie per curare la piometra è l'intervento chirurgico, con l'asportazione completa di utero e ovaie. In questo modo si rimuove direttamente l'origine dell'infezione. Nelle cagne che sono ancora in buone o discrete condizioni generali, il recupero completo dopo la chirurgia avviene in pochi giorni. Nelle cagne in cattive condizioni è necessaria una terapia postoperatoria più aggressiva, con terapia reidratante endovenosa, somministrazione di antibiotici, controllo degli esami del sangue. Con un'adeguata assistenza, anche i casi gravi hanno spesso buone possibilità di recuperare. Si deve tener presente che se anche la chirurgia può rappresentare un rischio in un animale debilitato, senza trattamento l’alternativa è la morte.
 
Terapia medica. La terapia medica della piometra è riservata esclusivamente alle cagne da riproduzione di elevato valore, di cui si vuole conservare la capacità riproduttiva. Questa terapia infatti presenta costi elevati e possibili effetti collaterali anche gravi. Inoltre si può impiegare solo nelle cagne in buone condizioni generali e con piometra aperta. La terapia medica consiste nell'utilizzo di ormoni, le prostaglandine, che stimolano le contrazioni uterine e favoriscono l'espulsione del pus. Vanno utilizzati insieme ad antibiotici, da somministrare per tempi prolungati. La terapia va attuata sotto attento controllo veterinario, con il ricovero per alcuni giorni, a causa delle possibili complicazioni. 
Gli effetti collaterali temporanei sono irrequietezza, nausea, dolori addominali, febbre e riduzione della frequenza cardiaca. Questi effetti collaterali durano circa 45 minuti. Gli effetti collaterali permanenti sono possibile infertilità e maggiore predisposizione a sviluppare altre piometre. 
 
Prevenzione
 
Tutte le cagne che non sono destinate alla riproduzione dovrebbero essere sterilizzate a 6 mesi circa di età. In questo modo non solo si prevengono completamente le infezioni dell'utero, ma anche i tumori mammari, e ovviamente si evitano le gravidanze indesiderate senza la necessità di somministrare sostanze chimiche dannose. I rischi dell'intervento chirurgico nei soggetti sani sono minimi. È possibile anche sterilizzare cagne più anziane, grazie ai progressi dei protocolli anestetici e alle misure di supporto prese prima, durante e dopo l'intervento.
 
http://www.avanzimorivet.it

 

Ciclo giardiaL’infestazione da Giardia è diffusa in tutto il mondo, e può colpire anche l’uomo, causando problemi enterici anche piuttosto seri soprattutto nei cuccioli e nei bambini al di sotto dei due anni (che sono quelli più a rischio per la loro abitudine di mettere tutto in bocca).
Il tipo di Giardia che infesta cani e persone è la Giardia Lamblia, che deve il suo nome ad Alfred Mathieu Giard (1846-1908), tassonomista della Sorbona (Parigi).
Nel 1952 vennero riconosciuti tre distinti ceppi: G. agilis, G. muris e G. duodenalis o intestinalis (o Lamblia).
-La G. muris infesta roditori, uccelli e rettili.
-La G. agilis colpisce gli anfibi.
-La G. Lamblia, oltre a cane e uomo, può infestare cavalli, bovini, suini e gatti.
Sia nell’uomo che nel cane, fortunatamente, la Giardia è spesso ben tollerata e asintomatica: la vera e propria malattia, detta giardiasi, si manifesta solo nel 10% dei soggetti infestati.
In condizioni igieniche insufficienti, specie se in concomitanza con una situazione immunitaria imperfetta, la Giardia può però manifestarsi in tutta la sua pericolosità causando vere e proprie epidemie.
Oltre alle feci, terreno e acque possono essere contaminate da forme attive di Giardia (trofozoiti) incistate, che possono sopravvivere nell’intestino per alcune settimane e vangono espulse a ritmo intermittente.
I soggetti parassitati (sintomatici o asintomatici) eliminano con le feci una grande quantità di cisti (fino ad un milione per grammo di feci) per diversi mesi.
Le cisti sono ovoidali e tetranucleate (nelle forme immature sono binucleate), presentano parete sottile ed hanno diametro di 8-13 µm. Ne bastano 10 per provocare l’infezione.
I trofozoiti sono ben difesi dagli agenti esterni e quindi perdurano a lungo nell’ambiente: quando vengono ingeriti, però, i succhi gastrici rompono le pareti della cisti e il parassita viene liberato.
A questo punto va a colonizzarsi nell’intestino tenue e a volte (più raramente) anche nel crasso: se l’infestazione è massiva diventa ben presto sintomatica. I protozoi aderiscono sulla superficie della mucosa intestinale, senza penetrarvi, provocando un’interferenza nei meccanismi fisiologici di assorbimento.

SINTOMI

Il sintomo principale è la diarrea intermittente, accompagnata da dolori addominali, feci maleodoranti e di scarsa consistenza, flatulenza, malassorbimento intestinale e, nei casi più gravi, febbre, vomito, anemia, steatorrea (presenza di grasso nelle feci), diminuzione del peso corporeo. In pazienti immunocompromessi possono verificarsi anche manifestazioni extraintestinali quali orticaria, dermatite, artrite, affezioni delle vie biliari.
 
Nel cane va sospettata una giardiasi soprattutto quando si ha una concomitanza di diarrea intermittente, steatorrea e dimagramento nonostante l’appetito rimanga inalterato.
 

DIAGNOSI

Le cisti di Giardia Lamblia possono essere identificate all'esame microscopico diretto delle feci, sia a fresco (poco attendibile) che mediante tecnica di flottazione con solfato di zinco, che permette di evidenziare le cisti. Poiché l’escrezione del parassita avviene in modo intermittente, in caso di dubbio è bene ripetere l’esame delle feci in giorni diversi.

 

Newsletter

News

Stage “Costruire il corretto rapporto con il cane. Gestione nella vita quotidiana e errori da non fare”

21 - 22 Ottobre 2017 Presso Centro Cinofilo Funny Dog Cannara, provincia di Perugia a 20 minuti da Foligno, 10 minuti da Bastia e Assisi
Stage di due giorni su
“Costruire il corretto rapporto con il cane
Gestione nella vita quotidiana e errori da non fare”

Uno stage dedicato al RAPPORTO, la relazione tra il proprietario e il suo cane. Questa relazione va costruita nel modo corretto, per poter avere un cane sereno e sotto controllo. L'argomento è molto vasto, ma in questo stage ci focalizzeremo sulla gestione quotidiana, per poter improntare un sano rapporto. Per avere una sana relazione, è importante avere le basi per comunicare con il cane, sapere cos'è la leadership, imparare a conoscere veramente il proprio cane per evitare conflitti inutili. Proprio perché ogni cane è differente, valuteremo i binomi singolarmente e analizzeremo insieme la vostra relazione per potervi dare spunti in più su cosa migliorare.

Sabato 21 Ottobre
Introduzione teorica: Costruire il corretto rapporto attraverso la gestione quotidiana
Valutazione dei Binomi con Analisi del Rapporto

Domenica 22 Ottobre
Introduzione Teorica: Recuperare il rapporto con il cane
Conclusione: Analisi e dibattito

Relatore: Ivan Farinazzo, addestratore ENCI, figurante ENCI, che da oltre 10 anni lavora in rinforzo positivo e con l'utilizzo della prossemica.
Prezzo: 90 Euro
Scadenza iscrizioni: 30 settembre 2017
Per informazioni: giulia@fundog.it – 333.8049492

Iniziare una relazione con qualcuno "pretendendo" è la cosa più sbagliata del mondo. Chi prende un cane, soprattutto il primo cane, parte con delle aspettative alte, molto alte. Sentiamo spesso le parole "deve amarmi", "deve amare le coccole", "deve amare stare in mezzo alle persone", "deve, deve e deve", solo "deve". Un rapporto va costruito, va alimentato, va sorretto. La figura del cane è veramente troppo idealizzata da sembrare quasi idilliaca, e questo sicuramente non aiuta. Il migliore amico dell'uomo. Deve essere così a prescindere. Da quando entra nella nostra casa, secondo molti, deve amarci a prescindere incondizionatamente. Ma non avete mai pensato che forse questo "amore", questo "rapporto" va conquistato? Con questo stage vorremmo farvi proprio capire questo, come far crescere il vostro rapporto, come migliorarlo, come iniziare con il piede giusto. Imparate a comunicare nel modo giusto con il vostro cane, almeno questo glielo dovete! 

#openyourmind con #funnydogperugia! Il nuovo modo di vivere il cane!

 

Seguici su Facebook

Segui il nostro canale 
TELEGRAM

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'